Motorbike Adventure Team

Motorbike Adventure Team
Motorbike Adventure Team è formato da un gruppo di amici che hanno in comune una grandissima passione per i viaggi, la moto e per l'avventura. Assieme a voi, abbiamo realizzato qualcosa che va oltre l'esperienza personale, per quanto gratificante, di conoscere luoghi e popoli in regioni remote e spesso inaccessibili: far arrivare a quelle popolazioni un aiuto tangibile, non fatto solo di oggetti inutili.

venerdì 5 luglio 2013

EKATERINBURG

diario di viaggio del 5.7.2013
EKATERINBURG

 Verso le 11 - 12 dovrebbe arrivare il camion che mi portera' a Ekaterinburg; ho gia' detto che il sole tramonta intorno alla mezzanotte ma non ho detto che alle 5 del mattino comincia ad albeggiare; a quell'ora io mi sveglio ma stavolta rimango ancora un po' a poltrire nella rete tipo amaca (vado quasi a toccare col culo per terra tanto e' infossata...) sotto ad un materasso di carta velina; quando mi alzo mi sorprendo a guardare in quale posto sono capitato: la Gostiniza e' ospitata in un casermone stile epoca sovietica e sempre nello stesso palazzo ci sono parrucchiera abusiva, rivendita telefonica, negozio di foto, assistente sociale. Una vera bolgia dantesca, tutti con la stessa entrata!! Poi i muri scrostati, la doccia con sola acqua fredda, le ragnatele attaccate al lavabo, i tubi in ferro arrugginito e anche attaccati con lo sputo, pavimento sporco ....insomma un ambiente adatto al mio viaggio, tutto sommato!
Preparo tutto e mi sposto al pianterreno ad aspettare, osservando compiaciuto (mi piace tanto, lo sapete) l'umanita' varia che transita nell'androne; verso le 11 meno un quarto arriva Boris tutto trafelato; e' l'autista che mi e' venuto a prendere ma ha anche lui avuto un problema al camioncino e sta viaggiando praticamente senza frizione: benon, moto rotta e trasporto anch'esso rotto...ma quanta sfiga ho addosso??!!
Di bello c'e' che ha la sponda idraulica e caricare la moto diventa veramente facile; la fissiamo per bene e a strappi e con molta attenzione prendiamo la via per Ekat...; ci mettiamo quasi 3 ore per i circa 200 km da percorrere e poi la vera difficolta' di muoversi nell'intenso traffico cittadino di questo venerdi di luglio; Boris e' comunque bravo e arriviamo al suo deposito dove ad attenderci troviamo Alexander, inviato da Igor che ha organizzato il tutto; trasbordiamo in un camioncino piu' piccolo e ci dirigiamo verso il centro ed il magazzino di Igor dove la moto stara' parcheggiata nel periodo in cui io saro' in Italia.
Ci fermiamo anche in due grosse rivendite di scooter e moto ma una non ha officina e l'altra ci dice che non sanno neanche dove mettere le mani su un modello come il mio (sic!); incontro Igor e mi inginocchio davanti a Lui chiamandolo "Mio Salvatore" e Lui sorride divertito; parla un po' di italiano e soprattutto lo capisce molto bene; e' pratico, rapido nelle soluzioni, e senza tanti giri di parole da istruzioni ai miei due accompagnatori per spostare la moto al suo magazzino; poi torno a salutarlo e parto con Alexander per un rapido giro in auto per la citta': Lenina Prospect, il Monastir, il Teatro Accademico-Drammatico, Ulica 8 Marta, la piazza. Incontriamo anche Svetlana, bella suocera di Alexander, che e' appena tornata da qualche settimana di vacanza in Italia.
Finito il giro mi accompagnano alla Gostiniza "Liner" di fianco all'aereoporto dove alloggero' questa notte; nel corso della giornata Anna ha provveduto a prenotare il volo fino a Venezia per domani: partiro' da Ekaterinburg domattina alle 9.20, arrivero' a Mosca alle 9.45 (ma con due ore di fuso orario in piu'); da qui ripartiro' alle 13.50 per essere a Venezia alle 18.10.
Sto tornando a casa in aereo e non e' proprio quello che avevo sognato; se avessi avuto piu' tempo avrei sistemato Quadrotta e saremmo ripartiti insieme; purtroppo il problema della scadenza del visto ha rotto le uova nel paniere ma e' solo una interruzione temporanea; il tempo di prendere un nuovo visa e tornero' per aggiustare la mia fida tre ruote e ripartire per calcare le strade europee, in verita' l'unico continente che ancora mi manca.

L'All Around The World quindi non e' terminato, diciamo che e' momentaneamente sospeso.. lavori in corso che presto termineranno e ... via di nuovo insieme, Voi ed io ... se mi vorrete ancora seguire!!!

3 commenti:

  1. Giorgio Perini5 luglio 2013 18:11

    Caro Maurizio, con tutti i lavori in corso che hai trovato per strada, una sospensione per "lavori in corso su quadrotta" ci sta.
    Goditi la tua Anna per qualche giorno e poi, di nuovo in sella!
    Un abbraccio
    Gio

    RispondiElimina
  2. Fine primo tempo e......ciopette....patatine....spuma......tutti pronti in attesa che si rispengano le luci ed il film ricominci!! Si perché comunque deve finire!! Ciao ti aspettiamo per un rapido saluto e poi via!! Ciao,

    RispondiElimina
  3. Goditi la pausa, immerso nei tuoi affetti, e ti ricarichi per l'ultimo sprint!
    ciao Roby

    RispondiElimina

Qui puoi inserire i commenti ai post inviati da Maurizio